Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie!


Se vuoi saperne di più  fai click sul pulsante "informativa cookie". Facendo click sul pulsante "Accetto" si acconsente ad utilizzare i cookie e potrai continuare a navigare nel sito

logofrezzottiCorradini
miur logo

Sede Legale: Via Quarto, 49 - 04100 - LATINA

Sede Operativa. Via Amaseno, 29 – 04100 LATINA 

Telefono Segreteria: 0773/697768 - Fax 0773/484311

E-mail:ltic85000t@istruzione.it

Posta Elettronica Certificata: ltic85000t@pec.istruzione.it

Ultime News
Mobilità sostenibile

Mobilità sostenibile

  Le classi 2 sez. A e 3 sez. C di scuola primaria del nostro Istituto stanno per prendere parte alla campagna “Annibale il serpente sostenibile” (Traffic Snake Game). Si…
Festa del papà 2019

Festa del papà 2019

Auguri a tutti i papà dai bambini della sezione G della scuola dell'infanzia di Via Calatafimi
Rassegna

Rassegna "In coro a scuola"

Il coro dell'istituto ha partecipato alla rassegna "In coro a scuola" organizzata dal Conservatorio Statale di musica "O . Respighi" e dall 'ARCL. Gli alunni, preparati dalle docenti Cappuccilli e…
Ultimi Documenti e Circolari
19 Marzo 2019 13:51
19 Marzo 2019 13:38
28. Impegni aula 3.0 - 26.03.19 (Circolari Riservate)
18 Marzo 2019 14:05
18 Marzo 2019 14:04

La Frezzotti Corradini come le scuole americane

armadietti DADA

La Frezzotti Corradini come le scuole americane, aule-laboratorio e armadietti per gli studenti

La dirigente Roberta Venditti: "Più vicini ai ragazzi per una scuola più inclusiva e partecipata"

LATINA – L’istituto comprensivo Frezzotti Corradini di Latina da quest’anno sarà una scuola diversa grazie al progetto Dada che ha previsto una serie di cambiamenti, a partire dalla consegna, lunedì, degli armadietti che gli studenti delle 20 classi della scuola media si autogestiranno, posizionando all’interno i libri che gli serviranno per le lezioni successive che si svolgeranno nelle aule laboratoriali, cioè diverse ogni volta. Come nei modelli americani e  del nord europa, saranno gli stessi studenti  a cambiare classe e non i docenti.

LEGGI L'ARTICOLO